La separazione è conflittuale? Il Giudice nomina un “coordinatore genitoriale”

Ogni separazione porta con sé la sua buona e specifica dose di conflitto.

Spesso si arriva in Tribunale perché non si è più capaci di dialogare e, quindi, di prendere accordi nell’interesse dei figli; allora si preferisce ‘delegare’ al Giudice, in quanto soggetto terzo, il potere di adottare decisioni riguardanti la famiglia, potere che, con riguardo ai figli, è insito nel concetto di responsabilità genitoriale e che, normalmente, va esercitato dai genitori di comune accordo.

Il Tribunale, però, non può fare da balia a genitori che litigano su ogni minima questione e quando le parti si dimostrano totalmente incapaci di assumere anche le decisioni più semplici, il Giudice può anche giungere ad affidare i figli all’Ente, sostituendo a mamma e papà un Servizio Sociale terzo ed estraneo al conflitto.

Di recente, però, il Tribunale di Miano (sez. IX civile, decreto 7-29 luglio 2016) ha trovato il modo di ovviare a questa soluzione drastica, da considerare solo come extrema ratio.

Continue reading “La separazione è conflittuale? Il Giudice nomina un “coordinatore genitoriale””